L’esperienza del lavoratore nella prevenzione sui luoghi di lavoro

La formazione esperenziale e la cultura della prevenzione sono la chiave per combattere l'insorgere degli infortuni sul lavoro.

L’evoluzione dell’azione di prevenzione passa anche attraverso l’esperienza pregressa del lavoratore. Il coinvolgimento attivo alla gestione della prevenzione infortuni nelle attività lavorative e nella gestione del gruppo, o squadra, passa attraverso persone esperte che hanno il senso della responsabilità e una sicurezza operativa che poggia basi solide su un’esperienza vissuta.

La condivisione delle esperienze

Per generare consapevolezza e responsabilità nei lavoratori occorre  fare leva  sulla condivisione delle esperienze e delle soluzioni di prevenzione infortuni.

L’invecchiamento lavorativo e la fuoriuscita dei lavoratori più esperti comportano una perdita di conoscenze non condivise con i nuovi lavoratori. Si ricorre molto spesso all’inserimento di lavoratori che hanno poca esperienza lavorativa nel settore di appartenenza che va costruita nel tempo e quindi con una scarsa sensibilità o percezione del rischio. Vale a dire si ha un deficit di cultura della sicurezza in tutti gli ambiti del lavoro.


Leggi anche:

La necessità di attività di prevenzione

In particolare ci si accorge del problema solo quando l’evento è accaduto. Molto spesso non esiste un impegno evidente permanente e diffuso per la prevenzione degli infortuni, lasciando il tutto alla fatalità degli eventi.

Quando il comportamento dell’uomo è causa o concausa di incidenti, possono verificarsi delle violazioni consapevoli e deliberate di norme di comportamento, o si compie un errore vero e proprio, derivante dal “fallimento” di azioni pianificate o di sviste, che spesso si verificano a causa di una mancata o scorretta percezione del rischio, o una sottostima, tanto individuale quanto, nel “caso aziendale”, collegata ad un problema di natura organizzativa.

Occorre riprogettare il percorso formativo dei lavoratori passando attraverso una formazione esperienziale direttamente in cantiere o all’interno dei reparti produttivi, unitamente ad un addestramento pratico operativo come vuole il Dlgs 81/08 con affiancamento interno a persone esperte, per un trasferimento concreto di competenze ma ancor di più di percezione del pericolo e dei rischi collegati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *