Vendemmia in sicurezza

Per una vendemmia felice e serena, è bene osservare alcune norme di sicurezza

vendemmia-sicurezza

Sotto molti aspetti la vendemmia assume ancora oggi un momento rituale, assume un significato social di aggregazione, momento in cui uomini e donne sono insieme per uno stesso obbiettivo.

La vendemmia che vede amici, parenti e vicini di casa, tutti a lavorare nelle vigne per poi festeggiare con una bella tavola imbandita… oggi assume una valenza differente!

In passato non si pensava molto ai rischi ad essa collegata, ma al momento di gioia e di condivisione, oggi le cose sono cambiate, ed osservando la realtà, non si può esimersi dal non portare la vostra attenzione su alcuni punti.

Non ho voluto prolungarmi, ma soffermarmi su alcuni punti fondamentali, ciò non toglie che questo periodo,

Questo è il periodo dell’anno in cui si raccoglie l’uva, ci sembra una buona norma osservare i seguenti punti.

Ricordando che il rischio è sempre operativo.

I rischi della vendemmia manuale

Le fasi lavorative prevedono il taglio, la raccolta dell’uva ed il trasporto e svuotamento delle cassette sul carro.

I rischi sono quelli tipici del lavoro effettuato in ambiente esterno (insetti, animali, piante pericolose, calore eccessivo), per questo è opportuno indossare un vestiario adeguato costituito da cappello, tuta per la protezione delle braccia e delle gambe, guanti e stivali.

Nel trasportare le cassette piene presta attenzione o fatti aiutare da un collega.

Con questi accorgimenti l’operazione di trasporto risulta meno rischiosa.

Movimenti ripetitivi degli arti superiori

Durante il lavoro di raccolta, le braccia e le mani sono impegnate in operazioni veloci che richiedono sia forza che precisione. Per evitare di assumere posizioni “estreme” (affaticanti e inadeguate) possibili cause di danni al complesso articolare (muscoli, tendini, nervi)

Norme igieniche durante la vendemmia

Durante l’attività lavorativa:

  • non fumare;
  • non bere alcolici;
  • prima di mangiare lavare bene le mani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *