I principali trend di cyber security del 2021

L’evoluzione tecnologica sta spingendo la crescita dei servizi digitali, con un forte aumento nell’ultimo anno in diversi ambiti applicativi

L’evoluzione tecnologica sta spingendo la crescita dei servizi digitali, con un forte aumento nell’ultimo anno delle soluzioni online in diversi ambiti applicativi. Al giorno d’oggi possiamo usare il web e le tecnologie mobili per gestire quasi ogni tipo di operazione, dal pagamento delle imposte tramite app ai consulti medici a distanza attraverso la telemedicina.

Le aziende pubbliche e private stanno investendo sempre di più nella digitalizzazione, tuttavia oltre ai vantaggi del mondo telematico stanno emergendo anche i rischi legati ai servizi virtuali. Non a caso Fortune Business Insights ha stimato un incremento nel 2021 di quasi l’8% per il mercato della cyber security, il quale dovrebbe passare da poco più di 153 miliardi del 2020 ad oltre 165 miliardi quest’anno.

Per proteggersi contro i rischi degli attacchi informatici, garantendo elevati standard agli utenti, le imprese dovranno incrementare gli investimenti nella sicurezza informatica, un approccio indispensabile per costruire un business online più resiliente e moderno. Ecco quali sono i principali trend di cyber security del 2021, per capire qual è la direzione presa dalle aziende e i pericoli contro cui tutelarsi in una società sempre più digitale e smart.

Utilizzo maggiore dell’autenticazione a due fattori

Una delle soluzioni più efficienti contro il phishing e il furto dell’identità digitale è l’autenticazione a due fattori, un sistema ampiamente utilizzato da tutte le imprese che offrono servizi online. Oggi questa modalità per la sicurezza degli accessi è adoperata ad esempio dai casinò online concessionari ADM, soprattutto dagli operatori che propongono servizi digitali avanzati come i giochi dal vivo come riportato qui, fino alle funzionalità di home e mobile banking degli istituti di credito e delle banche online.

Rispetto al semplice inserimento della password l’autenticazione a due fattori assicura una maggiore protezione per gli utenti, in quanto oltre al codice è necessario usare un altro sistema di identificazione, come il codice OTP via SMS o email oppure l’impronta digitale. Nei prossimi anni questo meccanismo dovrà essere potenziato, incentivando gli utenti all’utilizzo del riconoscimento biometrico, per minimizzare il rischio di subire attacchi dannosi e la violazione dei dati sensibili.

La sicurezza informatica nel boom del cloud

La forte crescita dello smart working, della digitalizzazione e dei servizi di streaming sta spingendo la domanda per le soluzioni cloud-based, ad ogni modo sono in aumento anche gli attacchi informatici nei confronti dei servizi di cloud computing. Per usare queste tecnologie innovative in modo sicuro è necessario rafforzare la cyber security, sia da parte delle aziende che gestiscono questi servizi, sia dalle società che usufruiscono di tali funzionalità per il proprio business.

I sistemi cloud garantiscono un’elevata accessibilità, tuttavia è indispensabile impostare correttamente l’infrastruttura informatica, per tutelarsi contro le minacce del cyber crimine e migliorare la resilienza delle strutture cloud. Si tratta ad esempio dell’adozione di procedure per il disaster recovery, il backup automatico, la protezione dei punti di accesso remoti, l’autentificazione a fattori multipli, il monitoraggio preventivo e gli standard crittografici sofisticati.

Attacchi informatici ai server e sicurezza

In tutto il mondo sta aumentano la domanda per gli esperti IT specializzati in sicurezza dei server, una necessità per le imprese per tutelarsi contro l’incremento degli attacchi malevoli. Si tratta di infrastrutture particolarmente sensibili, in quanto rappresentano il primo target per i cyber criminali, un’azione che può compromettere in modo grave il business di un’impresa. Tre le società colpite soltanto negli ultimi mesi ci sono grandi compagnie come Luxottica, Microsoft e JBS, causando spesso danni per milioni di dollari.

Per potenziare la sicurezza aziendale è fondamentale investire nella protezione dei server, iniziando dall’identificazione delle vulnerabilità per scoprire i punti deboli e studiare le strategie più adeguate per risolvere questi problemi. Ovviamente ogni falla presenta un diverso livello di criticità, per questo motivo è essenziale pianificare con attenzione ogni situazione e mettere a punto piani d’intervento personalizzati, per preservare il futuro dell’impresa creando un modello più sicuro, protetto e resiliente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *