Manutenzione dei sistemi di ancoraggio, le normative da rispettare

Nei lavori edili in quota o di messa in sicurezza di materiali o persone, un sistema di ancoraggio a norma ed efficiente fa la differenza.

Nei lavori edili, di manutenzione in altitudine o di messa in sicurezza di materiali o persone, un sistema di ancoraggio a norma ed efficiente fa di sicuro la differenza tra la vita e un infortunio, anche grave, se non letale.

Un sistema di ancoraggio non revisionato infatti non garantisce all’atto dell’utilizzo la sicurezza prevista dalla normativa vigente e dal costruttore o il mantenimento nel tempo della stessa.

Cosa prevede la norma?

La Norma UNI 11560:2014 prevede la ispezione periodica sui sistemi anticaduta definitivi ogni 2 anni (ispezione visiva) ed ogni 4 anni (verifica dei fissaggi e dispositivi).
Il progettista o il progettista strutturale può prescrivere una maggiore frequenza delle ispezioni tenendo conto delle condizioni ambientali e di utilizzo.
La Norma UNI 11560:2014 indica che occorre effettuare il controllo della struttura di supporto e degli ancoranti con periodicità non superiore a 4 anni.

I tipi di ispezioni

Si possono individuare diversi tipi di ispezioni

  • Ispezioni precedenti il montaggio– durante le quali l’installatore deve verificare i componenti del sistema seguendo le istruzioni del fabbricante degli ancoraggi, del progettista e del tecnico strutturista. La norma UNI 11560  richiama anche l’importanza di verificare le date di scadenza delle resine chimiche, se utilizzate nella realizzazione del fissaggio alla struttura.
  • Ispezioni che precedono l’uso delle linee vita (e più in generale del sistema di ancoraggio), secondo i criteri indicati dai fabbricanti degli ancoraggi. In caso di esito negativo il sistema deve essere dichiarato e segnalato come inutilizzabile o “fuori servizio” e si deve procedere con un’ispezione di tipo straordinario.
  • Ispezioni periodiche  – La periodicità e gli elementi da verificare sono sempre definiti dai singoli produttori, che mettono a disposizione insieme alle schede con le caratteristiche dei propri articoli, delle check list che riportano cosa verificare ed i criteri per la conformità del sistema di ancoraggi ed eventualmente dal tecnico strutturista che fatto le valutazioni sul supporto, che può prescrivere tempistiche e metodologie di ispezione più restrittive.  

Nel caso delle ispezioni periodiche, eventuali anomalie devono essere segnalate e portano alla messa fuori servizio del sistema di ancoraggi.

  • Ispezioni di tipo straordinario – Da condurre in seguito ad un  evento caduta, alla rilevazione di un difetto nel corso delle ispezioni sopra descritte. Questo tipo di ispezione può portare ad interventi di manutenzione da parte del produttore delle linee vita – ancoraggi o ad interventi dell’installatore sul supporto e sul fissaggio prescritti dal tecnico strutturista.

Leggi anche:

Chi si incarica dell’ispezione?

L’ispezione deve essere eseguita dal manutentore o dall’ispettore con assunzione di responsabilità con i controlli di cui al punto 9.2.5. della norma UNI 11560:2014. Nel caso siano rilevati difetti o inconvenienti deve essere effettuata una ispezione straordinaria.

Il sistema che ha subito un evento dannoso o presenta un difetto deve essere posto fuori servizio.

La verifica ispettiva straordinaria ha lo scopo di individuare gli interventi necessari al ripristino delle caratteristiche prestazionali del sistema secondo le modalità stabilite dal costruttore per quanto riguarda i prodotti e secondo le indicazioni del progettista strutturale per quanto riguarda gli ancoranti e la struttura di supporto.

Il manutentore deve eseguire gli interventi previsti in sede di ispezione come attività di manutenzione. La messa in servizio del sistema è subordinata al controllo degli interventi effettuati dal manutentore da parte dell’ispettore stesso.

Le ispezioni al montaggio, le ispezioni periodiche, le ispezioni straordinarie e gli interventi di manutenzione devono essere registrati su schede di registrazione, accuratamente conservate dal committente.

Fonti :

INAIL 2018 – Ancoraggi _ Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili

INAIL 2018 – sistemi di protezione individuale dalle cadute_ Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili

INAIL 2017 – Quaderni di ricerca Esecuzione in sicurezza dei lavori in copertura. Misure di prevenzione e protezione

Norma UNI 11560:2014 Sistemi di ancoraggio permanenti in copertura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *