Istituita la nuova banca dati per le verifiche periodiche INAIL

Inail dovrà istituire una banca dati per la trasmissione digitale delle verifiche periodiche. Lo stabilisce il decreto Milleproroghe 2019

banca-dati-verifiche-periodiche-inail

Inail dovrà istituire una banca dati per la trasmissione digitale delle verifiche periodiche.

Lo stabilisce il decreto legislativo n. 162 del 30 dicembre 2019, cosiddetto Milleproroghe.

L’articolo 36 del Milleproroghe modifica il decreto del Presidente della Repubblica 22 ottobre 2001, n. 462 aggiungendo un nuovo articolo 7-bis a quest’ultimo.

“Per digitalizzare la trasmissione dei dati delle verifiche periodiche, l’INAIL predispone la banca dati informatizzata delle verifiche”.

Il datore di lavoro deve comunicare tempestivamente all’INAIL, per via
informatica, il nominativo dell’organismo che ha incaricato di
effettuare le verifiche di cui all’articolo 4, comma 1, e
all’articolo 6, comma 1 del decreto del Presidente della Repubblica 22 ottobre 2001, n. 462.

Il costo della banca dati per le verifiche periodiche Inail

L’organismo incaricato della verifica dal datore di lavoro deve corrispondere all’INAIL una quota, pari al 5% della tariffa, che sarà quindi destinata a coprire i costi legati alla gestione ed al mantenimento della banca dati informatizzata delle verifiche.

Le tariffe per le verifiche periodiche sono individuate dal decreto del presidente dell’Istituto superiore per la prevenzione e la sicurezza del lavoro (ISPESL) 7 luglio 2005, pubblicato sul supplemento ordinario n. 125 alla Gazzetta Ufficiale n. 165 del 18 luglio 2005, e successive modificazioni.

Scarica qui le Tariffe ISPESL


Fonte:

DECRETO-LEGGE 30 dicembre 2019, n. 162  – Disposizioni urgenti in materia di proroga di termini legislativi, di organizzazione delle pubbliche amministrazioni, nonché di innovazione tecnologica

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 22 ottobre 2001, n. 462 – Regolamento di semplificazione del procedimento per la denuncia di installazioni e dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche, di dispositivi di messa a terra di impianti elettrici e di impianti elettrici pericolosi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *