A Rotonda si gioca per ricordare che “La sicurezza… non è un gioco”

Dopo un infortunio si può e si deve tornare a vivere, a lavorare e a giocare, come faranno gli ospiti di "La sicurezza non è un gioco" nel Comune di Rotonda, vittime di infortunio sul lavoro, che si impegneranno in gare di pallavolo, testimoni della propria storia e di di quella di altre centinaia di persone. Perché la sicurezza non è un gioco

rotonda-la-sicurezza-non-è-un-gioco

Presso il Cineteatro Selene in via Don Saverio Lurita a Rotonda in provincia di Potenza, si terrà la manifestazione “La sicurezza… non è un gioco”.

L’appuntamento è per giovedì 1 agosto a partire dalle 10:00

Il programma dell’evento

Convegno sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e il tema dell’infortunio, fra dolore e necessità di tornare alla vita, con il patrocinio del Comune di Rotonda, dell’Associazione ANCORS, di INAIL e Confassociazioni Sicurezza e l’ispettorato Nazionale del lavoro e con la partecipazione della Rotonda Volley A.S.D. e di Helvetica s.r.l.

A dare il benvenuto saranno l’architetto Sabrina Piancone e il sindaco di Rotonda Bruno Rocco.

Seguiranno gli interventi di Giannantonio Di Sanzio, presidente dell’associazione sportiva Rotonda Volley, Luigi Ferrara presidente ANCORS, il presidente di Confassociazioni Angelo Deiana, la dottoressa Filomena Zaccagnino, responsabile del processo di reinserimento sociale e lavorativo di persone vittime di infortunio e l’ingegnere Angelo Romaniello dell’Ispettorato del Lavoro.

Rimettersi in gioco

Dopo un infortunio si può e si deve tornare a vivere, a lavorare e a giocare, come faranno gli ospiti, vittime di infortunio sul lavoro, che si impegneranno in gare di pallavolo, testimoni della propria storia e di di quella di altre centinaia di persone che a lavoro ci andavano per vivere ed invece hanno trovato sofferenze e in alcuni casi la morte a causa di piccole e grandi disattenzioni.

Perché la sicurezza non è un gioco.

rotonda-la-sicurezza-non-è-un-gioco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *