Impianti a gas, l’adeguamento alla normativa UE

Sono state approvate nuove disposizioni per la sicurezza dell'impiego del gas combustibile e degli impianti a gas con i relativi accessori

impianti-a-gas

Sono state approvate nuove disposizioni per la sicurezza dell’impiego del gas combustibile.

È stato infatti pubblicato il decreto legislativo 21 febbraio 2019, n. 23 che adegua la normativa nazionale alle disposizioni del regolamento (UE) 2016/426 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 9 marzo 2016, sugli apparecchi a gas.

Ambito di applicazione

Le nuove disposizioni si applicano sia agli che bruciano carburanti gassosi che ai relativi accessori.

Non si applicano invece ad apparecchi destinati specificamente:

  • all’uso in processi industriali che si svolgono in stabilimenti industriali;
  • all’uso su aerei e ferrovie
  • a scopi di ricerca per un uso temporaneo nei laboratori.

Quando un apparecchio a gas è “usato normalmente”

Un apparecchio si considera «usato normalmente» quando sono soddisfatte le seguenti condizioni:

  • è installato correttamente
  • è sottoposto a una regolare manutenzione conforme alle istruzioni del fabbricante;
  • è usato nell’ambito della normale gamma di variazioni della qualità del gas e della pressione di alimentazione come stabilito dagli Stati membri nella loro comunicazione a norma dell’articolo 4, paragrafo 1;
  • è usato per gli scopi ai quali è stato destinato o in modi ragionevolmente prevedibili.

Requisiti di conformità

Per le installazioni e gli impianti alimentati con gas combustibile per uso domestico e per i relativi accessori si applicano i requisiti essenziali e la presunzione di conformità di cui agli articoli 5 e 13 del regolamento (UE) 2016/426.

I requisiti essenziali degli impianti alimentati a gas sono elencati nell’allegato I del regolamento (UE) 2016/426.

Si considerano effettuati secondo le regole della buona tecnica per la sicurezza materiali:

  • le installazioni e gli impianti realizzati secondo le norme specifiche per la sicurezza pubblicate dall’Ente nazionale di unificazione (UNI) in tabelle con la denominazione UNI-CIG;
  • le installazioni e gli impianti realizzati in conformità alle specifiche tecniche di una organizzazione di normazione europea o di un organismo di normazione di uno degli altri Stati membri dell’Unione europea o degli Stati che sono parti contraenti degli accordi sullo spazio economico europeo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *