Laboratori didattici per scuole primarie e dell’infanzia

Presentiamo i laboratori didattici per scuole primarie e dell'infanzia, realizzati da Ancors Lab. L’ideatrice dei laboratori didattici Paola Amirante è stata premiata a Novembre a Firenze al cinema Odion per il Safety Leader Event

Presentiamo i laboratori didattici per scuole primarie e dell’infanzia, realizzati da Ancors Lab.

Il tema

Realizzare un percorso pedagogico, dove i bambini non sono soggetti passivi chiamati a imparare regole, bensì affrontano da protagonisti un viaggio nel mondo della salute e della sicurezza a 360°, seguendo un approccio creativo e divertente, fatto di laboratori esperienziali, giochi di ruolo, balli ed esercitazioni pratiche e disegni, in modo da far accrescere fin da bambini la consapevolezza dei rischi esistenti nell’ambiente circostante e che consente di spargere semi che, daranno vita ad una corretta cultura della sicurezza.

Tecnica e linguaggio utilizzati

Nel corso delle varie attività, i bambini analizzano il contesto in cui vivono – casa, scuola, ambienti sportivi e luoghi di ricreazione – e ne individuano i rischi potenziali e oggettivi, definendo le strategie per affrontare in piena sicurezza situazioni pericolose o dannose per la salute. Particolare rilevanza è attribuita, inoltre, alla condivisione di riflessioni ed esperienze personali, utile ad apprendere il valore della sicurezza attraverso la dimensione percettiva ed emozionale.


NUMERO DI PERSONE COINVOLTE: da 25 a 100

TARGET DELL’EVENTO: Bambini dai 4 ai 10 anni

TEMPO DI PREPARAZIONE DELL’EVENTO: dai 30 ai 60 giorni

TEMPI DI LABORATORI DIDATTICI: dai 45 ai 90 minuti


Il procedimento

Possono essere svolti all’interno delle classi o all’esterno che può essere un cortile o una palestra del circolo didattico o anche in strutture esterne (piazze, teatri).

La prima fase

In fase di preparazione ci saranno degli incontri preliminari con dirigenti scolastici e gli insegnanti a cui verranno esposte le tecniche comunicative e gli strumenti utilizzati per un loro diretto coinvolgimento.

Ad ogni bambino verrà fatto indossare una t-shirt e un cappellino dello stesso colore per creare lo spirito di gruppo.

Nelle scuole dell’infanzia si realizza uno sketch molto coinvolgente in cui il protagonista è CICCIO GOBBA un personaggio che entra in scena con un evidente gobba chiamato dall’educatore pedagogico o dall’insegnante.

I bambini stimolati dall’educatore pedagogico chiameranno a voce alta “Ciccio” che entrerà in scena per dimostrare i motivi della anomalia fisica cercando di far comprendere ai bambini l’importanza della corretta postura al banco e del corretto posizionamento dello zaino sulle spalle coinvolgendo i bambini in modo scherzoso emotivamente e fisicamente per dimostrare la corretta postura sulla sedia e il corretto modo di indossare lo zaino.

Durata della fase 20 min circa.

La seconda fase

La seconda fase permette di far conoscere ai bambini i rischi ed i pericoli in cui possono incorrere negli ambienti a loro conosciuti ovvero casa, scuola, palestra. L’educatore pedagogico mostrerà ai bambini un pannello contenente una ruota in cui sono raffigurati una serie di oggetti di diverso colore che loro abitualmente utilizzano (forbici, palla, altalena, sedia, ecc) denominato “Trucchetti per non farsi male”.

Si invitano i bambini a prendere da un contenitore un oggetto qualsiasi che avrà un colore abbinato all’oggetto raffigurato sul pannello. Ad ogni bambino verrà chiesto qual è l’utilizzo corretto dell’immagina raffigurato sul pannello. Successivamente coinvolgendo tutti i bambini l’educatore pedagogico farà analizzare tutti i rischi e i pericoli in cui possono incorrere per l’uso dell’oggetto selezionato. Durata fase 20 min circa.

La terza fase

La terza fase che è facoltativa può essere messa in atto solo se c’è stato il coinvolgimento dell’insegnante che ha potuto realizzare un canzone o un balletto in tema. Nel periodo antecedente alla realizzazione dell’evento, l’educatore pedagogico si incontrerà uno o più volte con gli insegnanti e con i bambini per realizzare un flash mob, un ballo o una canzone in tema di sicurezza.

Al termine dell’evento verrà consegnato ad ogni bambino un patentino su cui saranno indicati il nome, cognome, classe, circolo del bambino, e data dell’evento riportando a dicitura “Little safety expert”.

Per quanto riguarda i laboratori svolti nelle scuole elementari il procedimento è differente.

Nella prima fase l’educatore pedagogico si soffermerà sui rischi esistenti negli ambienti da loro conosciuti che sono diversi da quelli a cui possono essere sottoposti i bambini dell’infanzia.

Durata fase 5 min circa


Successivamente l’educatore pedagogico prenderà un pannello denominato “La ruota della sicurezza” questo permette di far conoscere agli alunni i rischi ed i pericoli in cui possono incorrere negli ambienti a loro conosciuti. Diversamente dalle modalità della scuola infanzia l’educatore pone delle domande ad ogni alunno sulle esperienze personali o di cui è a conoscenza stimolando così l’interesse e la partecipazione attiva di tutti. In questo modo saranno gli stessi alunni ad essere protagonisti dell’attività didattica e saranno loro ad evidenziare i rischi ed i pericoli che incorrono nell’ utilizzo di vari oggetti nei diversi ambienti. Durata fase 30 min circa.

La terza fase stimola l’interesse degli alunni tramite il disegno. A tutti gli alunni vengono mostrati i segnali con rispettivi colori e forme geometriche di “Pericolo, Divieto e Obbligo”.

I bambini verrano divisi in gruppi; ad ogni gruppo verrà assegnato un progetto in cui dovrano individuare posizionare e colorare i vari segnali, di cui sopra, all’interno di un cartellone che raffigurerà un ambiente a loro conosciuto (es piscina, parco giochi ecc)

Ogni gruppo nominerà un o più portavoci che spiegherà a tutti gli alunni il loro progetto.

Durata fase 45 min circa


Allo stesso modo dei laboratori didattici per la scuola dell’infanzia si può aggiungere un ulteriore fase che è facoltativa e può essere messa in atto solo se c’è stato il coinvolgimento dell’insegnante che ha potuto realizzare un canzone o un balletto in tema. Nel periodo antecedente alla realizzazione dell’evento, l’educatore pedagogico si incontrerà uno o più volte con gli insegnanti e con i bambini per realizzare un flash mob, un ballo o una canzone in tema di sicurezza.

Al termine dell’evento verrà consegnato ad ogni alunno un patentino su cui saranno indicati il nome, cognome, classe, circolo del bambino, e data dell’evento riportando a dicitura “Little safety expert”.


Strumenti utilizzati

Cartellonistica, t-shirt, cappellini, gadget, patentini, contenitore, oggetto vari per contenitori, cartoncini, pennarelli.


Precedenti attività

I laboratori didattici sia nelle scuole dell’infanzia che primarie, sono stati realizzati per la prima volta a Napoli dal 26 al 28 Aprile 2017, in occasione dell’evento NapoliLoveSicurezza organizzato dalla nostra associazione in collaborazione con Osservatorio Napoli Città Sicura del Comune di Napoli, INPS, INAIL, Ministero del Lavoro, Provveditorato degli studi di Napoli, Università Federico II, Università Partenope e con il patrocinio del Comune di Napoli.

NapoliLoveSicurezza è un evento realizzato all’interno del movimento ItaliaLoveSicurezza che ha realizzato più di 300 eventi in varie località sull’intero territorio nazionale in occasione della giornata mondiale sulla sicurezza in vetta dall’ ILO organizzazione dell’ONU .

NapoliLoveSicurezza una tre giorni di esercitazioni, laboratori didattici, convegni e spettacoli in tema di salute e sicurezza si è svolto a Napoli sul Lungomare Caracciolo sulla Rotonda Diaz dal 26 al 28 Aprile 2017. Tra le tante attività l‘evento ha coinvolto 6 circoli didattici tra infanzia e primarie per un totale di più 1000 bambini. Si è preferito in comune accordo con il sindaco e l’amministrazione comunale di coinvolgere prelevatamene i circoli della periferia.

Per le scuole dell’infanzia si è preferito che gli educatori pedagogici erogassero i laboratori direttamente presso i circoli, mentre per e le scuole primarie i bambini prelevati dai nostri pullman sono stati portati direttamente in un’area riservata del palco predisposto alla Rotonda Diaz. L’evento che ha avuto largo seguito che ha coinvolto l’intera cittadinanza ha ricevuto più di 3 milioni di visualizzazioni su google ed è stato premiato a Giugno all’After Show Event come migliore evento realizzato per diffondere la cultura sulla sicurezza e della prevenzione alle nuove generazione.

L’ideatrice dei laboratori didattici Paola Amirante è stata premiata a Novembre a Firenze al cinema Odion per il Safety Leader Event con la presenza di più 500 persone come migliore evento nazionale dell’anno 2017 all’interno del movimento ItaliaLoveSicurezza .

La seconda edizione si è svolta sempre a Napoli presso l’istituto Foscolo il 6 Giugno 2017 che ha visto la partecipazioni di dei seguenti circoli didattici Carafa, Angiulli, Salvemini, Piscicelli con la presenza di oltre 800 alunni di età compresa dai 4 ai 10 anni che ha visto coinvolti come spettatori anche genitori e familiari degli alunni.

I video

Sul nostro canale YouTube, è possibile visualizzare i video realizzati nelle precedenti edizioni.

Le foto




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *